mercoledì 3 ottobre 2012

IL RISVEGLIO

Arriva un momento nella tua vita quando finalmente capisci... Quando nel marasma di tutte le tue paure e ossessioni improvvisamente ti fermi e da qualche parte una voce nella tua testa urla "Basta!"
Basta combattere, piangere e faticare per resistere". E, come un bambino che si calma dopo un pianto capriccioso, i tuoi singhiozzi cominciano a placarsi, sussulti una o due volte, trattieni le tue lacrime e attraverso un manto di ciglia bagnate incominci a vedere il mondo da una nuova prospettiva.

...Questo è il tuo RISVEGLIO.



Realizzi che è il momento di smettere di sperare che qualcosa o qualcuno cambi, o che felicità, sicurezza e salvezza arrivino su un cavallo bianco. Vieni a patti col fatto che non ci sono sempre finali da favola (o inizi da favola) e che qualsiasi garanzia di "vivere felici e contenti" deve incominciare da te. In quel momento un senso di serenità nasce dall'accettazione.

Quindi inizi a farti strada attraverso "la realtà del presente" piuttosto che stare dietro alla "promessa di un domani". Capisci che molto di quello che sei e del modo in cui affronti la vita è, in gran parte, il risultato di tutti i condizionamenti sociali cui sei stata sottoposta nel corso di un'intera vita. E incominci a esaminare tutte le sciocchezze che ti sono state insegnate:
- come dovresti apparire e quanto dovresti pesare,
-cosa dovresti indossare e dove dovresti acquistare,
-dove dovresti vivere e che tipo di macchina dovresti guidare,
-con chi dovresti stare e come ti dovresti comportare,
chi dovresti sposare e perché dovresti rimanerci,
- l'importanza di avere figli e ciò che devi la tua famiglia.
Lentamente incominci ad aprirti a nuovi mondi e differenti punti di vista. E incominci a rivalutare e ristabilire chi sei e in cosa credi. E incominci a scardinare le dottrine che non fanno più parte della tua vita o che non ne hanno mai fatto parte.
Accetti il fatto che non sei perfetta, e che non tutti ameranno, apprezzeranno e accetteranno chi o che cosa sei... e che va bene così, loro hanno diritto ai loro punti di vista. E verrai a patti col fatto che non sarai mai una taglia 40 o un essere perfetto. E smetterai di competere con l'immagine dentro la tua testa. Ti guarderai allo specchio e prometterai a te stessa lo stesso amore incondizionato e supporto che hai dato tanto spesso agli altri. In quel momento un senso di sicurezza nasce dall'auto-accettazione.

E smetterai di muoverti come un mero consumatore ossessionato dal tuo prossimo obiettivo, un nuovo vestito, un nuovo paio di scarpe, o dallo sguardo d'approvazione della famiglia, amici o perfino estranei. In quel momento capisci che è solo nel dare che riceviamo, e che la gioia e l'abbondanza che cerchi nascono dal "dare". E riconosci l'importanza del "creare" e "contribuire" rispetto all'"ottenere" e "accumulare".

E inizi a ringraziare per le semplici cose che hai ricevuto, cose che milioni di persone sulla terra possono solo sognare, cose come un frigorifero pieno, acqua corrente, un letto caldo, la libertà di scegliere e l'opportunità di inseguire i tuoi sogni.

E inizia ad amarti e a prenderti cura di te. Smetti di perseguire comportamenti auto-distruttivi, incluso farti coinvolgere in relazioni disfunzionali. Inizi a seguire una dieta bilanciata, bere più acqua e fare movimento. E poiché avrai imparato che la fatica fiacca lo spirito e crea dubbio e paura, ti darai il permesso di riposare. E così come il cibo è carburante per il corpo, le risate sono carburante per lo spirito e così creerai sempre più occasioni per divertirti.

Imparerai a vivere amore e amicizia: come amare, quanto dare, quando smettere di dare e quando allontanarti. E stringerai solo la mano di un amante che ti ama e ti rispetta veramente arricchendoti con il suo tocco. Imparerai che le persone non sempre fanno quello che pensano o pensano quello che fanno, intenzionalmente o meno, e che non tutti ce la fanno e che non tutto dipende da te. E smetterai di dare la colpa per le cose che ti sono o non ti sono state fatte. E imparerai a mantenere il tuo ego sotto controllo e a riconoscere e reindirizzare le emozioni distruttive che genera: paura, gelosia, risentimento.



Imparerai a dire "ho sbagliato" e a perdonare le persone per le proprie fragilità. Imparerai a costruire ponti invece di muri e il potere curativo dell'amore espresso attraverso una parola gentile, un sorriso o un gesto amichevole.
Allo stesso tempo eliminerai ogni relazione dolorosa che ti impedisce di evolverti. Smetterai di dedicarti così tanto a sistemare i dettagli da mettere le tue esigenze da parte. Imparerai che avere delle richieste va bene e che è tuo diritto desiderare o aspettarti certe cose. E imparerai l'importanza di comunicare i tuoi bisogni con sicurezza e serenità. Imparerai che l'unica croce da portare è quella che tu scegli di portare e che talvolta i martiri vengono bruciati vivi. Quindi imparerai a distinguere tra il senso di colpa e il senso di responsabilità e l'importanza di mettere dei confini e imparare a dire No. Imparerai che non hai tutte le risposte, non è compito tuo salvare il mondo e che qualche volta hai solo bisogno di lasciare le cose così.
Ancora, imparerai a guardare le persone così come sono e non come vorresti che fossero, e starai attenta a non proiettare i tuoi bisogni e le tue insicurezze dentro una relazione. imparerai che non sarai più bella, più intelligente, più amabile o importante grazie all'uomo che starà al tuo fianco o al bambino che porterà il tuo nome. Imparerai che così come le persone crescono e cambiano, allo stesso modo cambiano le relazioni, e che non tutti potranno amarti sempre nel modo in cui vorresti. Quindi smetterai di calcolare il tuo valore in base a quanto amore dai. E improvvisamente capirai che è sbagliato chiedere a qualcuno che viva la sua vita o sacrifichi i suoi sogni solo per servire i tuoi bisogni, alleviare le tue insicurezze, o soddisfare le tue aspettative. Imparerai che l'unico amore che vale la pena dare o ricevere è l'amore che viene dato gratuitamente senza condizioni o limitazioni. E imparerai cosa vuol dire amare. Quindi smetterai di cercare di controllare le persone, le situazioni o i risultati. Imparerai che "stare da soli" non vuol dire "essere soli" e incomincerai a scoprire la gioia di stare un po' con "te stessa". Quindi scoprirai il più grande e soddisfacente tipo d'amore che esiste: amare sè stessi. E così accade che attraverso la consapevolezza, il tuo cuore guarisce e da quel momento tutto è possibile.

Continuando così incomincerai a evitare le persone e le conversazioni negative. E smetterai di sprecare il tuo tempo e le tue energie rivangando la tua situazione con parenti o amici. Imparerai che parlare non cambia le cose e che i desideri non realizzati servono solo a mantenerti intrappolata nel passato. Quindi smetterai di lamentarti di ciò che poteva o doveva essere e prenderai la decisione di lasciarti il passato alle spalle. Quindi investirai il tuo tempo e le tue energie nel fare cambiamenti positivi. Farai un piccolo inventario di tutti i tuoi punti di forza e di debolezza e delle eree che potresti migliorare per progredire, ti porrai degli obiettivi e farai un piano d'azione per chiarirti le idee.

Imparerai che la vita non è sempre giusta e che non sempre ottieni ciò che pensavi di meritare, e smetterai di elencare ogni perdita ed ogni delusione. Imparerai ad accettare che talvolta cose brutte accadono a persone buone e che non c'è un perché.

Smetterai di cercare garanzie, perchè avrai imparato che l'unica cosa su cui puoi davvero contare è l'imprevedibile e che qualsiasi cosa accadrà imparerai a cavartela. E imparerai che l'unica cosa di cui devi davvero aver paura è il peggior nemico di sempre: la paura stessa. Quindi imparerai ad affrontare le tue paure, perché cedere alle paure vuol dire rinunciare a vivere la vita alle tue condizioni. Imparerai tanto da sapere che la vita è influenzata dai i tuoi pensieri e imparerai a ottenere ciò che vuoi e a non rovinare la tua vita con pensieri di indecisione e disperazione.

Quindi imparerai anche qualcosa sul danaro... il potere personale, l'indipendenza e le opportunità che crea. E riconoscerai la necessità di creare un tuo personale benessere. Lentamente, inizierai a prenderti la responsabilità di te stesso e ti farai la promessa di non tradirti mai e di non accontentarti di ciò che il tuo cuore non desidera. E un senso di potere nasce dall'indipendenza.

Vivi con onore e integrità perché questi principi non sono gli ideali di un epoca passata ma le fondamenta su cui costruire la tua vita. E da questo punto in poi inizierai a sorridere, ad avere fiducia e ad essere aperta verso ogni nuova meravigliosa opportunità. Appendi una campana del vento alla tua finestra per ricordare a te stessa quanta bellezza c'è nella semplicità.

Ed infine, con il coraggio nel cuore e con Dio al tuo fianco alzati, fai un bel respiro e inizia a creare la vita che vuoi vivere al meglio delle tue possibilità.
Una parola sul potere della preghiera: in alcuni dei momenti più bui, spaventosi e dolorosi della mia vita, ho pregato, non per avere delle risposte o per ottenere cose materiali, ma per trovare la forza e il coraggio di andare avanti, per affrontare ogni singolo giorno e i miei doveri.

Ricordati una cosa: Tu sei un espressione della divinità. Lo spirito di Dio risiede in te. Apri il tuo cuore, parla a questo spirito divino e lui ti guarirà e guiderà.
Il mio "Dio" non mi ha mai abbandonato.
di Sonny Carrol cit. Il Giardino degli illuminati
Mi dicono che ...
"Conoscendo il tuo nulla imparerai molte e meravigliose cose"
Maximus the Confessor
 

Nessun commento:

Posta un commento