venerdì 19 aprile 2013

La fame dello stomaco

Marfisa dinanzi al dottor G.

Dottor G.: "Lei Marfisa è una ragazza dalle ottime capacità ma la promozione, come ben sa ha bisogno di altre componenti come l'eccellenza, e lei eccellente non lo è"

Con gli occhi pieni di lacrimoni, rossa in viso, inspira e piano con calma risponde: 

"Dottor G. mi guardi. Mi guardi attentamente come se fossi sua figlia e che cosa vede? Le chiedo di guardarmi in questo modo per riconoscersi. Aveva la mia età quanto ha iniziato il suo percorso e come lei ricorda nessuno le ha regalato niente, aveva la mia stessa passione per questo lavoro, aveva gli occhi come i miei brucianti di rabbia quando si incontrano gli ostacoli. Era ambizioso come me, era proprio come me. Entrambi abbiamo avuto fame: lei intellettiva la mia è una fame diversa. Io ho fame nello stomaco, quella fame che attanaglia continuamente perché bisogna pagare la casa in cui si vive,le bollette ... 
Sono abituata a faticare. Ho sempre fatto mille lavori diversi con lo spirito di imparare continuamente da ogni esperienza. Ho imparato dottore, ho imparato tanto. Ho imparato a pagare sempre i miei debiti, ho imparato a portare rispetto per l'altro, ho imparato ad essere umile perché l'arroganza non aiuta mai.
Mi guardi dott. mi guardi e mi dica se io davvero non sono eccellente. Me lo dica guardandomi negli occhi e non vedendo se stesso".


Si guardarono e il silenzio discese tra loro, consci del fatto che entrambi avevano sbagliato a non riconoscersi prima.


Mi dicono che ...
“Il fatto che mi basti poco per essere felice non significa che mi accontenti delle briciole.
Altrimenti sarei un criceto.”
(I. Calvino)


Nessun commento:

Posta un commento